14 Nov 2017

Considerazioni Generali

Pubblicato alle 20:18 under Studi

Risultati immagini per libri di testo

Dev’essere proposito eguale dell’insegnante e del discepolo: che uno voglia giovare e l’altro apprendere. Lucio Anneo Seneca

Prima di pronunciare affermazioni su tipologia e quantitativo di compiti, suggerirei di dare uno sguardo ai libri di testo di tutte le materie. Come è noto, essi  sono redatti sulla base delle indicazioni ministeriali. Sfogliando, leggendo e osservando l’ampiezza del programma in essi contenuto, si comprenderà il motivo dei ‘tanti’ compiti, riflessione che mi capita di carpire un po’ qua un po’ là.

Sulla base di questa premessa, mi/vi domando: Che cosa pensiamo di fare per migliorare la situazione?

  1. Trovare nuovi libri di testo? Impossibile, in quanto tutti i libri delle medie si assomigliano e quelli che abbiamo scelto sono, all’unanimità, considerati tra i migliori.
  2. Lanciare un messaggio al Ministero, per fare in modo che assottigli i programmi e renda più snelli i testi? Questa opzione mi troverebbe d’accordo, per un insieme di motivi logici e metodologici.
  3. Riflettiamo sul principio che tutti gli studenti di prima media, lamentano difficoltà nello svolgimento dei compiti, in quanto necessitano di un po’ di tempo per abituarsi al nuovo contesto. Ciò considerato, a casa è necessario sostenerli nei momenti di sconforto. Oltretutto, se uno studente ha tanti impegni pomeridiani è forse necessario ridimensionarli a favore di un tempo maggiore da dedicare agli studi.
Concludo, con un aforisma che fa riflettere: Tra i compiti che ci prefiggiamo, non ci sono solo  risposte da ricordare, ma problemi da risolvere.
L'immagine può contenere: sMS

No responses yet




Trackback URI | Comments RSS

Lascia un commento

Codice di sicurezza: